La storia del profumo


Il profumo è sempre stato considerato un mezzo per conquistare o persino per indurre al vizio. Già 5000 anni fa gli antichi egizi cercavano di rabbonire le loro divinità con delle sostanze profumate. Le ottenevano bruciando delle specie di bastoncini d’incenso. Profumo deriva da “per fumum” ossia “con il fumo”. I faraoni utilizzavano oli e salvie profumate. I profumi divennero sempre più amati anche tra i signori ed i nobili che poi fecero produrre per sé i primi profumi. I componenti principali allora erano la mirra ed il coriandolo. Con la cristianizzazione però il vento cambiò. Questi profumi sul corpo umano erano considerati frivoli e contrari al pudore, e si riteneva che spingessero gli uomini al peccato. Nel X° secolo il dotto Avicenna riuscì ad ottenere l’acqua di rose. I crociati portarono questo elisir tra la gente. Si riconobbe l’effetto positivo che avevano i profumi sulle persone. Con la peste i profumi divennero sempre più importanti, perché si credeva che ci si potesse contagiare nei bagni pubblici. Per questo si dovette coprire gli odori sgradevoli del corpo con i profumi.

Ma anche molto più tardi nelle grandi città, come ad esempio a Parigi, il profumo servì a coprire la puzza. Dove si svuotava i vasi da notte per strada... Solo nel XVIII° secolo si iniziò a trattare quei liquidi con più timore. Infine si iniziò a spruzzare il profumo sul corpo. Nel 1792 in Germania è stata creata e portata sul mercato la “4711 – acqua di Colonia”. Verso il1900 si fece un ulteriore passo avanti decisivo: François Coty mescolò per la prima volta sostanze naturali e sintetiche, e per la prima volta si produsse un flacone appositamente per il profumo (ad opere dei maestri vetrai Lalique). Oggi il profumo viene creato dalla A alla Z. Chi volesse imparare a produrre un profumo deve andare a Grasse sulla Costa Azzurra.

 

 

 

La gran parte die profumi è costituita da note di testa, di cuore e di fondo. Questi diversi livelli sono percepiti in momenti diversi. La nota di testa è percepita per prima. La nota di cuore è molto presente nel momento successivo e contraddistingue il carattere del profumo. Fondamentale è la nota di fondo, che denota spesso delle sfumature animali o legnose.

 

Scoprite la nostra collezione di profumi Musk Collection. Ne sarete entusiasti.